Offerte di lavoro
Skip to main content

Piaccia o no, la pandemia di Covid-19 cambierà per sempre le nostre vite e una delle aree più colpite da questi cambiamenti è il lavoro. Il cambiamento non è necessariamente una cosa negativa, anche se ci viene imposto da una malattia. Piuttosto, offre sempre opportunità se sai dove stai andando.

Quali lezioni possiamo imparare dalla pandemia e dalla quarantena? Diamo prima un’occhiata a come la pandemia di Covid e la quarantena hanno cambiato il modo in cui pensiamo al lavoro. In questo contesto, uno studio su vasta scala dei consulenti di gestione di Pricewaterhouse Coppers (PwC), che ci sembra estremamente interessante, ha rivelato i seguenti risultati chiave:

  • Il telelavoro e l’home office hanno dimostrato di avere un grande successo. Né i dipendenti né i datori di lavoro vogliono rinunciare a questa opzione in futuro.
  • Gli uffici non spariranno. Piuttosto, ci troveremo a combinare il lavoro in ufficio e il lavoro a casa, soprattutto per mantenere la comunicazione e lo scambio tra i dipendenti.
  • Ci sono idee diverse su quanti giorni alla settimana si dovrebbe lavorare da casa e quanti in ufficio. I dipendenti preferiscono lavorare di più da casa; i dirigenti preferiscono più giorni di ufficio per promuovere lo spirito di squadra e la cultura aziendale.
  • Minore è l’esperienza dei dipendenti, maggiore è la necessità di rientrare in ufficio, anche perché lì sono integrati in una struttura stabile ed esperta e possono facilmente ricevere supporto.

Quali conseguenze per i luoghi di lavoro?

Alla luce di questi cambiamenti di vasta portata, è altamente improbabile che tutto torni allo status quo ante. Ecco perché dobbiamo incorporare la conoscenza che abbiamo acquisito dalla pandemia nella futura pianificazione di uffici e luoghi di lavoro.

A breve termine, si tratta di garantire maggiore sicurezza in ufficio. La maggior parte dei datori di lavoro lo ha già fatto uniformando l’orario di lavoro, “spopolando” gli uffici, aumentando le distanze e adottando misure di sicurezza (come l’installazione di lastre di plexiglas).

A medio termine, dobbiamo convertire questi cambiamenti in soluzioni permanenti: con postazioni di lavoro individuali, distanze maggiori e l’utilizzo di tutto lo spazio disponibile. Sono soprattutto le strutture mobili che aiutano in questo, visto che ci consentono di spostare i dipendenti all’interno dello spazio disponibile con breve preavviso. Inoltre, è importante garantire che i materiali utilizzati possano essere puliti nel modo più efficiente possibile (con sostanze come la candeggina) e disinfettati.

A lungo termine, è importante combinare l’home office e l’ufficio nel miglior modo possibile. Ciò significa anche che la comunicazione tra i dipendenti in ufficio e quelli a casa deve essere migliorata. Il modo migliore per farlo è la videoconferenza. È quindi necessario considerare tutti i requisiti nella progettazione e nell’allestimento degli uffici.

Inizia con spazio sufficiente per schermi, microfoni e videocamere. Tuttavia, devono essere fornite anche opzioni in modo che le videochiamate possano essere effettuate col minimo disturbo possibile. La necessità di videoconferenze pone anche nuove sfide acustiche.Tutto questo deve essere considerato se vuoi essere preparato per l’era post-Covid. Perché, come ho detto, non ci sarà ritorno allo stato precedente alla pandemia. Purtroppo o per fortuna? Ognuno troverà la risposta da solo.

genetica

About genetica